Il Rifugio D'Arcangelo

 

Per prenotare il rifugio D'Arcangelo clicca qui

 

Il rifugio "Nicola D'Arcangelo" al Vaduccio si trova a 1.665 metri di altitudine s.l.m. sul versante nord della cresta Vado di Corno - Monte Aquila nel Gran Sasso d'Italia. È situato nel comune di Isola del Gran Sasso.

 

Fu costruito negli anni '30 con funzione di ricovero pastorale, successivamente, nel 1988 dopo averlo ristrutturato, la sezione C.A.I. di Isola del Gran Sasso, volle intitolarlo, in doveroso segno di riconoscimento, al dott. Nicola D'Arcangelo fondatore, nel 1921, della sezione stessa.

 

Il Rifugio è dotato di quattro posti letto a castello (due a due), con coperte, stufa a legna, lampada a gas. Purtroppo è privo di acqua, per tale motivo per coloro che intendano usufruirne, è necessario provvedere autonomamente al proprio fabbisogno di acqua.

 

Per raggiungere il rifugio, da Isola del Gran Sasso, imboccata la provinciale per Casale San Nicola, si raggiungono le ultime baracche dell'e cantiere Cogefar. Da qui si segue una carrereccia che dopo un chilometro circa raggiunge l'impianto Enel della Valle dell'Inferno. Si traversa un piccolo torrente percorrendo una larga pista e dopo 20 minuti, abbandonata la pista, si segue sulla destra, un sentierino ben marcato e costeggiato da un ruscello fino all'incrocio con il sentiero n.6 per Vado di Corno che si percorre fino all'uscita del bosco (il Vaduccio). Qui si lascia il sentiero per Vado e, deviando sulla destra, si scende per un breve tratto di bosco nella conca dove è situato il rifugio.

Da Campo Imperatore, invece, dopo aver raggiunto Vado di Corno, si scende lungo il sentiero n.6 fino a raggiungere il Vaduccio, dove si devia per il rifugio.


Presentazione sezione

 

Nicola DArcangelo2La sezione CAI di Isola del Gran Sasso nasce originariamente nel 1921 per iniziativa di Nicola D'Arcangelo, all'epoca Sindaco della città, che fonda la Sezione e ne assume la presidenza.


Quarta sezione del CAI in Abruzzo dopo L'Aquila, Chieti e Teramo, ma rispetto alle quali Isola contava un numero anche maggiore di Soci Ordinari, la sezione nasceva allo scopo di far circolare il nome di Isola negli ambienti alpinistici nazionali e di creare un gruppo di alpinisti locali con il compito di reperire itinerari ed esplorare alpinisticamente il territorio comunale.

 

Questa prima avventura della Sezione di Isola si infranse contro gli scogli della politica italiana. La formazione del primo governo Mussolini ebbe conseguenze anche sulla tenuta dell'Amministrazione D'Arcangelo che fu costretto alle dimissioni nel 1922, mentre la sezione di Isola del Club Alpino Italiano cessò l'attività nel 1923.

 

Nella sua costituzione attuale la sezione di Isola viene fondata nel 1987 e continua a svolgere, sotto la guida dell'attuale Presidente Luigi Possenti, la sua funzione di cura del patrimonio sentieristico e soprattutto quella di avvicinare tante persone alla passione per la montagna. Un programma ricchissimo di escursioni, corsi di avvicinamento all'arrampicata, alla speleologia e al cicloturismo impegnano settimanalmente tanti degli oltre 200 soci.

 

Da Marzo 2009 la Sezione si è arricchita della Sottosezione di Pietracamela, che rivolge particolare attenzione all'arrampicata e allo scialpinismo, anche grazie alle iniziative del Reggente Andrea Bollati e del sempre attivo Luca Mazzoleni.

 

Il rifugio gestito dalla sezione, collocato a quota 1655 in una piccola valletta tra Casale San Nicola e Vado di Corno, è intitolato - naturalmente - al primo fondatore della Sezione, Nicola D'Arcangelo.

Readmore

Calendario del Rifugio D'Arcangelo

pulsante-escursionipulsante-palestrapulsante-iscrizionipulsante-programma-2017pulsante-rifugiopulsante-biblioVisita la nostra pagina Facebook!

Commenta la nostra pagina Facebook