Le Pubblicazioni

 

Da sempre attenta alla conservazione ed alla riscoperta del patrimonio culturale per proumovere la conoscenza storica ed antropologica del territorio montano, la Sezione, nel corso degli anni, grazie alla ricerche del socio Silvio Di Eleonora, storico e ricercatore, si è impeganta a riscoprire testi di particolare interesse e ne ha curato la ristampa in anastatico.



Riportiamo l'elenco delle pubblicazioni ristampate:


 

DouglasWilliamFreshfield-GranSassoIL GRAN SASSO D’ITALIA - (1878) – Douglas William Freshfield – nel 2005


Tratto da "The Alpine Journal" è il resoconto del viaggio che l'esploratore-alpinista inglese compì negli Appenini ed in particolare sui nostri territori e descrive la sua ascensione al Corno Grande.













OrazioDelfico-UnaSalitaAlGranSasso

UNA SALITA AL GRAN SASSO D’ITALIA NEL 1794 – (1812) - Orazio Delfico – nel 2005

 

Resoconto dettagliato dell'ascesa al Gran Sasso che l'autore eseguì per motivi scientifici con l'intento di misurare l'atezza del "Monte Corno".

 

 












EnricoAbbate-GuidaAlGranSasso

GUIDA AL GRAN SASSO D’ITALIA – (1888) - Enrico Abbate – nel 2008


Uno dei primi esempi in Italia di guida turistica ed alpinistica, dove alla descrizione degli apetti naturalistici si aggiungono informazioni storiche etnografiche ed economiche.












 

FrancescoZucchi-MonteCornoAlteroIL MONTE CORNO ALTERO – (1636) -  Francesco Zucchi – nel 2010

 

Volumetto di poesie dedicato al Monte Corno, dove per la prima volta compare il termine Gran Sasso, nome con il quale in futuro verrà chiamato il Monte Corno.

 











 

PrimoCongressoRegionalePRIMO CONGRESSO REGIONALE delle Sezioni CAI – (1921) - nel 2012

 

Atti del primo congresso delle sezioni CAI Abruzzesi che si tenne a Caramanico e Palena nel 1921 a cui la Sezione di Isola del Gran Sasso partecipò assieme alle sezioni di L'Aquila, Chieti e Teramo.

 











 

RigugioOrazioDelficoE' stato inoltre pubblicato un opuscolo su Rifugio Orazio Delfico al "Fontanino" in occasione della sua intitolazione all'illustre ricercatore avvenuta il 20 maggio 2007.

 













 

Programma2014Inoltre, oramai da qualche anno il programma annuale delle attività sezionali viene divulgato e promosso attraverso la stampa di un opuscolo cartaceo sempre nella stessa veste grafica, contenete, oltre alla descrizione delle escursioni, informazioni, foto o disegni che raccontano la storia delle nostre montagne sulla base di un tema diverso definito anno per anno, divenuto oggetto di collezione tra gli appassionati della cultura della montagna.


Presentazione sezione

 

Nicola DArcangelo2La sezione CAI di Isola del Gran Sasso nasce originariamente nel 1921 per iniziativa di Nicola D'Arcangelo, all'epoca Sindaco della città, che fonda la Sezione e ne assume la presidenza.


Quarta sezione del CAI in Abruzzo dopo L'Aquila, Chieti e Teramo, ma rispetto alle quali Isola contava un numero anche maggiore di Soci Ordinari, la sezione nasceva allo scopo di far circolare il nome di Isola negli ambienti alpinistici nazionali e di creare un gruppo di alpinisti locali con il compito di reperire itinerari ed esplorare alpinisticamente il territorio comunale.

 

Questa prima avventura della Sezione di Isola si infranse contro gli scogli della politica italiana. La formazione del primo governo Mussolini ebbe conseguenze anche sulla tenuta dell'Amministrazione D'Arcangelo che fu costretto alle dimissioni nel 1922, mentre la sezione di Isola del Club Alpino Italiano cessò l'attività nel 1923.

 

Nella sua costituzione attuale la sezione di Isola viene fondata nel 1987 e continua a svolgere, sotto la guida dell'attuale Presidente Luigi Possenti, la sua funzione di cura del patrimonio sentieristico e soprattutto quella di avvicinare tante persone alla passione per la montagna. Un programma ricchissimo di escursioni, corsi di avvicinamento all'arrampicata, alla speleologia e al cicloturismo impegnano settimanalmente tanti degli oltre 200 soci.

 

Da Marzo 2009 la Sezione si è arricchita della Sottosezione di Pietracamela, che rivolge particolare attenzione all'arrampicata e allo scialpinismo, anche grazie alle iniziative del Reggente Andrea Bollati e del sempre attivo Luca Mazzoleni.

 

Il rifugio gestito dalla sezione, collocato a quota 1655 in una piccola valletta tra Casale San Nicola e Vado di Corno, è intitolato - naturalmente - al primo fondatore della Sezione, Nicola D'Arcangelo.

Readmore

Calendario del Rifugio D'Arcangelo

pulsante-escursionipulsante-palestrapulsante-iscrizionipulsante-programma-2017pulsante-rifugiopulsante-biblioVisita la nostra pagina Facebook!

Commenta la nostra pagina Facebook